Attualmente in molte aziende si osserva un'evoluzione positiva che ha portato alla caduta del tabù della questione dell'alcol sul posto di lavoro. Da un sondaggio realizzato da «Dipendenze Svizzera» nel 2009 è emerso che circa due terzi delle aziende intervistate hanno emanato prescrizioni interne sul rapporto tra consumo di alcol e lavoro. Nell'ambito di questo sondaggio è emersa un'importante constatazione, ossia che i programmi di prevenzione aziendali possono aumentare la sicurezza sul posto di lavoro e migliorarne il clima, ma che permangono lacune rilevanti nelle conoscenze sul modo di comportarsi con le persone a rischio. E: Il consumo problematico di alcol genera ai datori di lavoro costi annuali per un miliardo di franchi.


Per questo motivo, il 9 novembre 2012 numerosi partner hanno organizzato la «Giornata nazionale sui problemi legati all'alcol nel mondo del lavoro». L'obiettivo della manifestazione è di motivare e incoraggiare i datori di lavoro e le persone con funzioni direttive a compiere un primo passo verso il tema del consumo di alcol in ambito lavorativo. A tale scopo è messa loro gratuitamente a disposizione una hotline gestita da esperti per permettere di porre domande su questo tema liberamente e senza complicazioni. Il numero della hotline gratuita è 0800 002040. Il numero telefonico sarà attivo il 9 novembre 2012 dalle 8.00 alle 17.00.


Il progetto «Giornata nazionale sui problemi legati all'alcol nel mondo del lavoro» rientra nell'ambito del tema di dialogo sul mondo del lavoro, a sua volta parte della campagna nazionale «Io parlo di alcol!» dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). Si tratta di un contributo all'attuazione del Programma Nazionale Alcol (sotto l'egida dell'UFSP) che ha anche lo scopo di sensibilizzare il mondo del lavoro al problema dell'alcol.


Siete interessati? Avete domande in merito? Vi occorre materiale informativo?
Per eventuali domande vogliate contattare Donatella Torraco ( Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. / +41(0)91 9233003).

>>>Seleziona qui per scaricare il documento<<<

Il gruppo dei promotori si compone delle seguenti organizzazioni:
Blaues Kreuz, Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), Fachverband Sucht, Groupement Romand des Addictions, iq-Center, Associazione svizzera delle PMI, Segreteria di Stato dell'economia (SECO), Dipendenze Svizzera, SUVA, Swisscom